SPEEDING UP ROBIN HOOD:APPROFONDIRE UN SOGNO.

Puntata 4/10 della serie speeding up Robin Hood.

Una storia a puntate che racconta in modo ironico il mondo dell’innovazione e il metodo che Thinkalize adotta nell’affrontare le sfide.

Buona lettura!

Come CEO di Thinkalize, Nicoletta cerca sempre di avere il primo contatto con i clienti. Quando hanno sede in Italia o parlano inglese, è relativamente facile. Diventa difficile, quando la lingua è il francese o il potenziale cliente è una signora tedesca della Baviera che le lancia delle strane parole. In questi casi, Roger gestisce il primo contatto e insieme elaborano la giusta strategia per gestire la richiesta. Mentre Joseph stava scrivendo in francese sul sito inglese, era relativamente chiaro che Roger doveva assumerne la guida.

Il primo contatto è stato anche il primo ostacolo. Joseph si aspettava che qualcuno si presentasse e discutesse della sua “invenzione”. Dopo una breve introduzione, Roger ha dovuto spiegare che la piattaforma in realtà è digitale. Ciò significa che, anche se ci sono forse dozzine di persone coinvolte in un grande progetto, non stanno seduti da qualche parte nella stessa stanza o in un edificio comune, ma quasi sempre collaborano in uno spazio digitale. Se alcuni dei professionisti erano nella stessa città o regione, di tanto in tanto potevano sedere insieme. Ma questo è solo occasionale. In generale, il flusso di lavoro è progettato per funzionare perfettamente solo su una base digitale. Ovviamente, la maggior parte del lavoro di progettazione e sviluppo del prodotto viene generato con assistenza informatica di ogni tipo. Ma anche lo scambio di informazioni tra i diversi attori ha luogo tramite conferenze web  o anche  accesso remoto ai computer stessi. Oggi il digitale consente tutto ciò, riducendo drasticamente costi, tempi e seccature.

Quando Roger era ancora fortemente coinvolto nella progettazione del prodotto alcuni anni fa, era disperato per la mole di tempo che ha trascorso viaggiando in tutto il mondo, a dimostrazione il suo status Lufthansa Miles and More Senator, rispetto al tempo che rimaneva per l’effettivo lavoro.

Joseph, conosceva bene il mondo dell’elettronica e della tecnologia e comprendere abbastanza rapidamente i vantaggi di questo processo non è stato difficile. Si rilassò e, pensando al budget che voleva dedicare al progetto, era positivo sull’approccio descritto da Roger.

Prima che Joseph approfondisse la conversazione, voleva affrontare la sua principale preoccupazione per il progetto: mantenerlo riservato. A fronte di questo, Roger ha spiegato tutte le procedure e gli accordi contrattuali in atto per garantire la riservatezza assoluta delle informazioni. Roger fece una pausa e gli mandò un accordo di non divulgazione (GDA) già firmato e molto completo, prima di proseguire con i dettagli.

Durante le spiegazioni di Joseph, Roger ascoltò con molta attenzione, chiedendo di tanto in tanto alcuni chiarimenti, puntando a non trasformare il progetto in un’interpretazione personale. Sapeva per esperienza che per gli inventori il nuovo “bambino” – il loro progetto – è un essere molto sensibile. Da un lato, raramente è completamente studiato e molti aspetti devono ancora essere chiariti. D’altra parte, la carica emotiva dell’innovazione nella fase iniziale è molto elevata e gli inventori sono molto sensibili alle loro idee geniali.

Le regole etiche furono stabilite nei primi giorni della collaborazione di Nicoletta e Roger. Roger era in realtà pienamente d’accordo con l’analisi di Joseph e il ragionamento alla base del suo progetto. Questo rende molto più facile lavorarci. Di tanto in tanto, Thinkalize si confronta con progetti in cui il background etico è discutibile, per non dire altro. Nicoletta e Roger avevano deciso fin dall’inizio di non occuparsi di tali lavori, il mondo è già pieno di progetti ingannevoli. Il principio è stato mantenuto, con sorpresa di alcuni potenziali clienti, per cui abbiamo rifiutato educatamente, sostenendo di non sentirci a nostro agio nel gestire il tipo di progetto proposto.

Dopo essere stato multato due volte quest’anno Joseph aveva trovato in Roger la soluzione per per il suo processo di sviluppo. Hanno terminato questo primo briefing con la promessa di Roger che sarebbe tornato con qualche altra domanda, prima di essere in grado di fare una proposta più formale su come eventualmente collaborare sull’argomento.

Privacy Preferences
Informativa
Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.
Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.
× Web Chat